"Intelligenza artificiale": la nuova frontiera, dall'assistenza sanitaria all'agricoltura sostenibile

"Intelligenza artificiale": la nuova frontiera, dall'assistenza sanitaria all'agricoltura sostenibile


Ultimamente si fa un gran parlare dell’intelligenza artificiale e, in particolare, del suo utilizzo in tanti aspetti della vita quotidiana.  Potenzialità da una parte, rischi dall’altra. Per questo, la Commissione Ue è al lavoro per conciliare tecnologia ed etica.

Da “un’assistenza sanitaria migliore a un trasporto più sicuro e un’agricoltura più sostenibile”, l’intelligenza artificiale (Ia) “può portare grandi benefici alla nostra società e alla nostra economia” ha affermato Andrus Ansip, vice commissario Ue per il Mercato digitale, intervenuto durante la sessione plenaria del Comitato economico e sociale europeo (Cese).

Il Vice presidente ha poi aggiunto che il cammino è “ancora lungo, ma piano piano si sta creando l’ambiente giusto per far sì che l’Europa tragga il massimo da ciò che l’intelligenza artificiale può offrire”.

Un esempio su tutti? In campo sanitario i robot e l’intelligenza artificiale possono analizzare i dati dei pazienti, migliorare la diagnostica e supportare i chirurghi negli interventi critici.